Significati del logo del Movimento Distributista Italiano

Logo

  • La torcia rappresenta la libertà e la verità legati ai valori distributisti,
  • Il cane la fedeltà a tali valori,

Il cane che porta la torcia è uno dei simboli più usati a livello internazionale per indicare il pensiero distributista. Fu verosimilmente proposto per la prima volta dal domenicano padre Mcnabb, uno dei fondatori, insieme ad G.C.Chesterton e H. Belloc, del distributismo stesso.

Il cane è maculato perchè rappresenta l'uomo che pur innalzando la torcia della verità rimane peccatore e quindi non è mai senza macchia. Quindi il cane maculato sintetizza fedeltà e umiltà nei confronti della Verità. 

  • Il nero l’oscurità da cui è necessario uscire

Lo sfondo nero rappresenta la "valle di lacrime" esistenziale e insieme le tenebre che nella storia umana avvolgono (e insieme vengono squarciate dal)la fiamma rossa della Verità e dal candore (pur macchiato) degli uomini che la testimoniano.

  • Significato dei colori

I colori rosso bianco e nero sono  colori della tradizione e rappresentano tutte le funzioni sociali della società cristiana sintetizzata nelle tre vocazioni o ordini sociali:
    • gli oratores: coloro che pregano;
    • i bellatores: coloro che combattono;
    • i laboratores: coloro che lavorano.
Questa immagine tripartita serve sicuramente a definire sia tre gruppi con le loro funzioni, ma altrettanto sicuramente serve a collegarle tra di loro. Fare in modo che dalla loro collaborazione possa nascere una società organica e in equilibrio.
 
Il bianco era associato alla funzione sacerdotale, il nero alla funzione produttiva, il rosso alla funzione guerriera14.
Già nella Roma antica l'attribuzione di questi colori alle tre cassi sociali era chiara e condivisa, la si incontrava inoltre presso molti autori greci che descrivevano la città ideale e più avanti nel Medioevo la si trovava anche nelle cronache, nei testi letterari e nelle immagini: gli oratores in bianco per indicare la purezza, i bellatores in rosso per l'ardore nella battaglia e infine i laboratores in nero perché questo colore richiamava, in una delle sue connotazioni positive, la fertilità della terra.